Torneo Internazionale Bologna 2013

Stampa
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Si è concluso domenica 7 aprile l' XI Torneo Internazionale di Bologna, riconosciuto nel calendario ufficiale FICK, un evento ben riuscito (non c’erano dubbi a riguardo) che ha visto in azione numerosi team predisposti nel dar vita ad una due giorni di ottimo livello. Incredibilmente anche il meteo ha retto: sole con buone condizioni il sabato, cielo coperto ma con temperature decenti la domenica.

BolognaInternational-2013-podio

 


Vince il torneo il Mariner. Finale decisa al golden goal del neo acquisto Siani che risolve anche la semifinale sempre al golden goal. Squadra al completo guidata dalla ormai nota coppia Sicula, ma priva dello straniero Irlandese: perdono notevole peso al centro ma ne guadagnano in velocità. Disputano un ottimo torneo, vincendo il loro gironcino ma perdendo il sabato sera con il Chiavari in modo abbastanza netto (5 a 2). Guadagnano comunque l’accesso alla semifinale contro la Svizzera B, sfida risolta all’overtime grazie ad un ottimo tiro dalla sinistra del giovane Campano. In finale vanno sotto per 3 a 0 dai Chiavaresi, ma negli ultimi 5 minuti riescono a compiere la rimonta mandando la gara ai supplementari. Vincono la palla al centro grazie ad un dubbio fallo, e dopo un veloce giro palla tirano dal centro sempre col numero 2 Siani. Il portiere Chiavarese non è impeccabile e la palla si insacca. Vincono un buon torneo e si dimostrano, potenzialmente, quarta forza del campionato.
Il Chiavari secondo classificato compie un buon test in vista di un avvio di stagione tutto in salita. Si presentano senza i tre giocatori più carismatici (Bellini, Hallegraeff e Porzio) ma le seconde linee non sfigurano affatto. Guidati da Bertelloni in versione leader, non hanno problemi nel primo girone ma subiscono una pesante sconfitta per 4 a 3 dalla Svizzera B. Nel secondo girone non vanno in difficoltà con Mariner, Genova 1970 (il vecchio Murcarolo praticamente) e Polesine, arrivando in semifinale con Academy. I romani non riescono a compiere una partita di livello e perdono nettamente per 4 a 1. In finale passano in vantaggio subito, gestiscono anche l’inferiorità numerica per un cartellino giallo, ed allungano anche sul 3 a 0 a 7 minuti circa dalla fine. Poi black out totale in fase offensiva: subiscono un gol in contropiede, un rigore e un gol dal centro a difesa schierata. Ovviamente vanno considerate le pesantissime assenze, però il gruppo è sembrato compatto e hanno dato dimostrazione di essere pronti.
La Svizzera B in realtà dovrebbe essere chiamata Svizzera A: infatti il portierone mancino con il numero 1 para come un dannato, al centro i numeri 6 e 4 sono pesanti e anche essi giocatori della vera Nazionale Elvetica. Compiono un eccellente torneo, vincono meritatamente con il Chiavari il sabato sera ma poi sprecano enormemente nella semifinale con il Mariner perdendo ai supplementari. Il portiere era già noto agli addetti ai lavori, ma si dimostra veramente un vero top player.
Quarto arriva l’Academy, squadra che sappiamo essere giovane e aver abbandonato lo straniero Francese per un giovane e promettente Inglesino. Disputano un torneo discreto ma perdono malamente la semifinale con il Chiavari. Potenzialmente potrebbero essere allo stesso livello del Mariner per competere al 4 posto in Campionato, ma non sono ancora solidi come gli esperti polisti dell’EUR.
Quinto arriva il Genova 1970: squadra mista composta da alcuni ex Murcarolo (vedi i due Moschetti e Lorenzo Patrone) più il sardo De Giorgi e alcune “vecchie glorie” liguri. Vincono la finalina 5-6 contro i cugini dell’Arenzano meritatamente grazie al solito ed eccezionale tiro mancino di Enrico Moschetti. Come sappiamo però non forniscono un vero e proprio team di Serie A. Peccato.
L’Arenzano arriva 6 ma sappiamo bene che la presenza di George fa una differenza enorme al gruppo di Tixe. La presenza di Eugenio Partone offre loro più soluzioni in fase di circolazione palla, ma con l’Inglese è tutta un’altra storia. Personalmente credo possano addirittura puntare ai playoff, anche se non disputano un eccellente torneo nelle ultime partite decisive.
Poi nell’ordine abbiamo Polesine, con un Ceco come straniero che non so quanto possa risultare utile per una salvezza in serie A, e Comunali Firenze del Chiti, candidati forse a fare un ottimo campionato in A1. Maluccio invece l’Idroscalo, anche loro dovranno faticare e non poco per una possibile salvezza nella massima serie.
Restano comunque i bellissimi ricordi di un torneo perfettamente organizzato, peccato per l'assenza di membri ufficiali inviati dalla Federazione.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 10 Aprile 2013 10:57 )